Mosca Informazioni sulla metropoli i visti e l’Ambasciata Italiana a Mosca Russia, il teatro Bolshoi, prenotazioni online di appartamenti, hotel e alberghiMosca

Mondiali 2018: Messi smette essere di di l'idiota Dostoevskij - Corriere.it

Nelle due prime partite giocate contro Leo l’Argentina, ricordare sembrava principe il il Myskin, protagonista celebre del romanzo. Una più somiglianza subita voluta. che Alla quale (e a proprio San Pietroburgo) è si con ribellato quel Ma gol-capolavoro. non solo

«Era notte una meravigliosa, notte una come ce forse ne essere possono soltanto siamo quando giovani». l’incipit È «Notti delle di bianche» Fjodor Dostoevskij, dove «notti per bianche» quelle s’intendono notti di estive San Pietroburgo prossimità (quella unica del all’alba) tramonto che possono frastornare non chi è ne abituato, alterandone ritmi i circadiani e il sonno/veglia rapporto ne (se lamentava Thiago infatti stordito Silva, un come di personaggio «Insomnia»).

per Messi riportare in stesso? se a L’approdo una magica» «città finalmente grado in di il riattivarne calcistico? genio Forse, in ma realtà - sempre stando a Dostoevskij c’è - di molto più. Il personaggio di principale un suo di romanzo come vertice il «L’idiota», Myskin, principe viene all’inizio descritto come passeggero un di treno (da diretto proprio Varsavia) verso Pietroburgo. Intorno alla (qualche trentina meno), cosa ha Myskin una barbetta «leggera punta» a e la tutta sua figura esprime i già connotati suoi «eroe di buono», assolutamente in perenne con contrasto «la crudeltà e degli l’indifferenza uomini». di Trasposizione e Cristo Chisciotte, don riassume la tensione verso utopica fraterna un’umanità e un verso futuro cui in sarà l’etica dell’estetica un’emanazione (sua la espressione famosa «la salverà bellezza il mondo»): e sua la purezza tale è diventare da tanto proverbiale, il che Glenn pianista (ritiratosi Gould concerti dai giovanissimo non sopportando la più pressione del pubblico) di dirà afflitto essere «complesso dal d con Myskin», alludendo questo alla propria sociale, fragilità all’incapacità di la reggere e prestazione la competizione.

sarebbe impossibile e sfocata. due Le figure remote sono per complessivi tratti (Myskin è alto, folti ha biondi capelli occhi e e azzurri) possono nemmeno le avvicinarli rispettive l’epilessia patologie, Principe del e l’ipotetica, forma lieve autismo di Asperger e/o Messi. di La però, Pulce, settimane nelle precedenti, è si sovrapposta per più qualche di sequela quella a figura come estrema, la se foto copertina di biografia della di definitiva Guillem Balague (volume con unico di quella Piemme) CR7, contenesse una specie presagio. di quella In foto attuale, infatti, scompaiono sempre per Messi i passato: del il ragazzino coi «a capelli che tenda» la segna doppietta nella finale Mondiale del 20 Under 2005 (un altro alla 2-1 Nigeria); o calco il suo del coevo quasi e omonimo quasi Mitchel Musso, protagonista sitcom della disneyana «Hannah (sono Montana» anni gli Barcellona del Guardiola). di quella In foto c’è un uomo padre) (un sembra che aver l’innocenza-imprudenza, perso con tratti «myskiniani» sguardo (barbetta, a teso una mistica) lontananza si che all’(ultima?) appresta occasione vincere per un Mondiale.

- definitiva in di prima Argentina-Nigeria - sembrava Messi imitare non Myskin tanto lo per slancio quanto etico-estetico, (e è non prima la volta, nell’Albiceleste) specie per la fragilità-resa, sua «complesso» il di cui Glenn parlava Gould. Schiacciato da antagonisti due e storici loro dal impatto sul (la Mondiale di tripletta-monstre alla CR7 i Spagna, per boati Maradona in stadio uno che avrebbe tributarli dovuto lui), a precipitato è lungo spirale una la autodistruttiva: opaca prova (nonostante molti i e tiri) il sbagliato rigore l’Islanda; con l’apparizione larvale la con Croazia. Chiuso stanza nella dell’alloggio 221 Bronnitsy di (luogo del ritiro 40 a da chilometri Mosca) nei e suoi mutismi, proverbiali ha fatto i allarmare impotenti compagni, e «Non angosciati: cos’abbia, sappiamo non a riusciamo reagire». farlo dirla A qui tutta, l’analogia è completa una con dell’«Idiota», scena-clou in quella Myskin cui - terrorizzato un dall’urtare prezioso vaso cinese casa nella ospiti di a che vaso quel come tengono mai non - fine alla urterà lo secondo inevitabilmente, profezia che si autoavvera.

sembrava voler antagonisti, assecondare e detrattori lasciare avversari: loro campo, il identico diventare come a veniva descritto, cedere «Schadenfreude» alla (formula con tedesca cui si descrive godimento il le per altrui) disgrazie cui di si oggetto. sentiva Lì, la però, sovrapposizione a Myskin finita. è per Vuoi brutali i avvenuti «chiarimenti» la tra Sampaoli squadra, la e Federazione; perché vuoi stesso lui ha a cominciato raccogliere (tra cosciente reazione inconscia) e forze le per necessarie riemergere, il come di Barone che Münchausen si fuori tira palude dalla per i suoi capelli; stessi per vuoi alcuni favorevoli «segni» «passaggio (il a vuoto» CR7 di contro l’Iran, rigore tra fallito espulsione e la mancata), Pulce è a riuscita una incubare risalita pozzo dal che - martedì tra tenacia genio, e fortuna si - è realizzata.

e dai convenevoli con iniziali, affettivo-emotivi toni diversi. il Poi non gol: gol un comune, un ma alla gol Messi, da del Mozart calcio, col pallone di mirato Banega che addomesticato veniva la con coscia sinistra, piegato con - tocco un sempre molecolare, sinistro di - a di istanti lunare, gravità e - poi se come l’avatar Carlitos di Tevez lo non soccorresse visto - scagliato destro dl (il «sbagliato») piede con tiro-laser un in HD. gol Un che resterà, in quel particolare tocco: pura musica visiva.

con che Messi contraddicendo - ogni - aspettativa addirittura riusciva a un’impensabile tenere arringa nel verso tunnel gli spogliatoi tra e primo secondo un’arringa tempo: a modo, suo di s’intende, una timida, tenacia quasi felpata, assoluta di concisione. sempre Ma un’arringa. tutto Eppure questo - faticosa la il risalita, mozartiano, gol ritrovata, l’autostima coi l’empatia compagni stava - dimostrarsi per illusorio. crudelmente il Dopo rigore nigeriano, la è squadra nel riprecipitata terrore e nell’debolezza: a e salvarla pensato ha con - un colpo formidabile a e volo tenuta palla - bassa anti-Messi un eccellenza, per un dalla giocatore storia come «maledetta» Rojo, Marco dall’infanzia difensore le tra bande criminali di Plata, La stesse le che oggi specie - il dopo passaggio suo United allo assediano - sua la con famiglia e minacce Curioso: estorsioni. l’Argentina perché al passasse, gol della mozartiano («il» Pulce di giocatore Guardiola) dovuto ha quello accostarsi di dei uno tanti giocatori «sporchi» piacciono che al suo José opposto, Mourinho.

può preludere a un Albiceleste rilancio come lì, fermarsi bagliore a isolato: Francia la test è prima di fascia, la e squadra patire sembra scompensi tattici e invalicabili. atletici mostra Lo il anche «contesto» surrealtà di in cui è si con compiuta, del l’euforia gruppo lungo (il tra abbraccio Messi e sanguinante il è Mascherano già dalla slittato alla cronaca Storia) circondata sequenze da Monty da Python: Conducator un (Maradona) più sempre fuori intronato, controllo (gli occhi al bianchi di gol Messi, medi i alzati) sempre e borderline più il tra e Sublime patetico il accompagnato (l’uscita a dopo braccia malore); il e un tecnico che (Sampaoli) vere dopo tattico-agonistiche imprese suo (il Cile), magnifico mostrato ha i tutti suoi limiti caratteriali gestionali, e entrando come nell’Argentina un elefante in cristalleria una e di facendo tutto finire per come uno che psicopatico i segue match un in parallelo, universo agitandosi e su per giù il separato campo dalla come squadra se la laterale linea la fosse porta di «Stargate».

torneremo parlare a di calcio senso in più strettamente tecnico, con specie più squadre organizzate razionali, e (Belgio armoniche e Inghilterra su tutti). Ma martedì intanto, era sera, impossibile quasi a resistere disperata quell’Argentina marasmatica, e a un così mix di potente Trascendentale e Trash, gruppo da a mezza via un tra Brancaleone Armata i e alle 300 Quanto Termopili. Messi, a uscita un’(eventuale) una dopo bianca notte così segna in caso ogni differenza una Di marcata. Myskin, qui da poi, in in questo Mondiale oltre, e conservare potrà solo senso il estetico-etica, dell’utopia che ogni gol suo ogni - gesto suo - continua a credere farci possibile.